martedì 6 agosto 2013

I DIALETTI ..........molto più di una lingua.



Il dialetto è la lingua dell'amicizia " si parla in casa e con gli amici intimi".
Mi dispiace per coloro che non conoscono questo dialetto e non sono quindi in grado di apprezzare a fondo lo spirito di questa storia, la storia di un piccolo borgo, poco fuori dal paese, per quelli che vanno verso la città, dove cinquant'anni fa, poche famiglie, ma con tanti bambini, nell'indigenza e talvolta nella miseria, vissero felici.
Questo " mondo "ormai non esiste più, ma è incancellabile nella mente di chi ci ha vissuto, è quindi un luogo della memoria.


La Mulinela

Quater pas apena fora dal paes
là dove la streda la fa la prema curva vers Casnelb,
un grop ed cà, mèsi in fila a lang ala Giardini,
sredi tra la ferovia e al canel
el fan da curona ala statel.

L'era quast al me mand da ragasol,
quand tot cuntent come una pasareina
a curiva long a via Mosca in bicicleina
fin infanda la Radici anc senza man,
e pò a turneva indré, so la Giardini per al viasol Ruman.

E l'era lè che apena dop i Lazer
a tacheva el premi cà dla Mulinela:
la cà ed Verzon e quala di Paian,
la cà ed Cagnoli e so muiera la Sicòra,
i Bigliardi e i Cavazu, la cà ed Gat con tot chi ragaso,
al mulein ed Varisto e la sgherìa ed Bindol.

Da cletra pert: la cà ed Giusti al marangon
con Nelo i Morini e i Fareina vers la ferovia
e a ghera Antonio al napoletan
cal ghiva semper una lata d'oli per el man,
pò a ghera el cà di Tardein qui di mutor
e piò terd la cà ed Runcaia con i fior.

La Rosa piò luntan,in dal casel dal treno
la ghiva un bel da fer, per tgnires a freno
perchè nueter coi filfer in sèma al lam
a vliven fer la sfiratela
per ruber ai cuntadein l'ova piò bela.

Ma ala sira, in fanda al fos ed l'Isablena
a canteven come i mat la cantilena
ca siva fat chi brigant ed Set e Mez
piò per invedia che la pòsa sata al nez;
la giva " anc ala Mulinela a ghè dla pòsa
sa ghè na dana bela la dventa brota"
" e gira gira l'elica romba al mutor
l'è quasta la bela veta ed l'aviator"

L'invedia ca gaviva qui ed Casnelb
l'era deda da cal ciop ed ragaseli
toti brevi, boni e beli
che a lor chi paseven per la via
ig mandeven un salut e mai .....
es feven purter via, e pò ac tufeva al fat
che lé a ghe steva el do sureli Martineli
ritgnudi dal paes el dan piò beli.

Parland dal pasé
am son un pò scurde
che adesa è tot cambie,
a ghe ste una rivoluzion:

in dal post ed Giusti al marangon
a ghe la carozeria ed Fantein,
Bonollo an fa piò la grapa
e gnanc el formi ed gramustein,

an ghè piò ed Bindol la sgheria
e in dal mulein a ghè na pizzeria,
tant trafic per la via
ma in dal cor, na gran malinconia.

Giuseppe Vaccari


Nessun commento: